Gli errori da evitare e le cose da sapere per goderti un buon bagno di luce

Oggi, siamo profondamente consapevoli degli importanti effetti benefici della luce solare, che aiuta la salute della pelle e delle ossa, stimolando la produzione di vitamina D, combatte osteoporosi e depressione, favorisce il buon umore.

Tuttavia, è importante adottare le precauzioni necessarie, in modo da esporsi al sole in gravidanza con prudenza e in totale sicurezza.

In gravidanza l’attenzione è doppia, perché, a causa della quantità di estrogeni in circolo, è possibile che si verifichi la formazione di macchie, nota come cloasma gravidico.

Ecco le cose da sapere per evitare i comportamenti a rischio, godersi il sole e abbronzarsi ottenendo una bella tintarella.

Il prodotto giusto per ogni tipo di pelle

proteggere la pelle dai raggi uv in gravidanza

Hai la pelle scura?

Questo non significa poter stare al sole tutto il tempo che vuoi senza protezione. Al contrario, poiché durante la gravidanza è maggiore la stimolazione delle cellule melanocitarie, il rischio risulta più alto per le donne con fototipo scuro, la cui epidermide geneticamente tende a produrre più melanina.

Per evitare la formazione di macchie, che in genere si concentrano soprattutto nella zona fra labbra, fronte e guance, è fondamentale pensare alla cura di viso e collo con un prodotto dal fattore di protezione medioalto.

La presenza di principi attivi idratanti e antiossidanti, oltre a funzionare come prevenzione per scongiurare scottature e macchie, aiuterà il viso a mantenere un buon livello di idratazione e combattere l’azione dei radicali liberi, evitando le rughe dovute all’invecchiamento precoce.

Infine, non dimenticare uno stick specifico per occhi e labbra, due zone molto sensibili che hanno bisogno di una protezione in più.

Quando prendere il sole in gravidanza?

quando prendere il sole in gravidanza

Fondamentale la scelta dell’orario: evita le ore più calde e punta sull’inizio della giornata o la fine del pomeriggio.

Attenzione, in città prendiamo il sole, anche se non ce ne accorgiamo. Ecco perché è importante utilizzare una crema con un fattore protettivo, anche nella vita di tutti i giorni.

Hai in programma una vacanza al mare?

Come emerge dalle ricerche i raggi solari filtrano anche sotto l’ombrellone: circa il 34 per cento, tanto che è possibile rimediare una scottatura anche all’ombra.

Se la tua pelle è molto chiara, non esitare a coprirti utilizzando una tshirt e usa due accessori strategici per l’estate: occhiali da sole e cappello a tesa larga che, oltre a diventare un dettaglio di stile, proteggerà l’epidermide, evitando di farti strizzare gli occhi… Addio rughe e palpebre arrossate!

Gambe gonfie e pesanti? No, grazie!

passeggiata sul bagnasciuga

Soprattutto durante gli ultimi mesi di gravidanza, a fine giornata, è facile sentire le gambe stanche, doloranti e pesanti, un problema più frequente quando durante la bella stagione le temperature si alzano.

Inoltre, a causa del caldo possono verificarsi cali della pressione arteriosa, difficoltà di circolazione e spossatezza.

L’afa può contribuire alla vasodilatazione aumentando il rischio di rottura dei capillari.

Alterna i momenti in cui rilassarti, sdraiata, con il movimento e le passeggiate sul bagnasciuga.

Camminare aiuta a rimanere in forma, stimola la produzione di endorfine (e il buon umore!) e migliora la circolazione.

Un’ottima idea è attuare piccole variazioni in grado di allenare le gambe: puoi passeggiare in modo da immergere le caviglie, poi ad altezza delle ginocchia, infine immergendoti fino alla vita.

Questa semplice strategia ti aiuterà a rinfrescarti e sarà preziosa per combattere gonfiori e pesantezza grazie alla presenza dell’acqua salata.

Se ami stare a mollo dedica ogni giorno un momento per una bella nuotata: grazie all’assenza di gravità fare attività fisica in acqua è più facile e divertente.

Inoltre, attività all’aria aperta come passeggiate, giochi e nuotate sono un alleato del benessere e ti permetteranno di acquistare una tintarella dorata e uniforme senza annoiarti.

Da evitare

Attenzione a profumi e acque profumate: possono contenere sostanze in grado di reagire con i raggi solari e, a causa dell’azione fotosensibilizzante, favorire la comparsa di macchie e irritazioni.

Utilizzi gli oli essenziali?

Anche in questo caso è necessario utilizzare le dovute precauzioni. Pur essendo naturali, prima dell’esposizione al sole è necessario evitare gli oli essenziali derivanti da agrumi come arancia, bergamotto e mandarino.

Anche nel caso del deodorante meglio orientarsi su un prodotto compatibile con UV e specifico per pelli sensibili.

Evita di andare in spiaggia con make up pesanti: lascia la pelle libera di respirare

Un’ottima idea, invece, è cogliere l’occasione dell’estate e delle vacanze al mare per un trattamento a base di oli naturali e impacchi per le gambe, utile per prevenire smagliature e mantenere l’elasticità.

L’utilizzo dei fanghi con alghe andrebbe evitato in gravidanza e in caso di problematiche a livello della tiroide, ecco perché prima dell’uso è importante consultare il proprio Medico di fiducia.

Puoi orientarti verso un prodotto con effetto drenante in grado di ridurre il senso di pesantezza e stimolare il microcircolo: vite rossa, caffeina, ippocastano e cipresso possono aiutare il sistema circolatorio.

La dieta per l’abbronzatura

frutta rossa per nutrire la pelle in gravidanza

Il cibo è un alleato di benessere, soprattutto in gravidanza, e può aiutare la tintarella.

Via libera a mirtilli, frutti rossi, albicocche, ciliegie, fragole e pesche: i frutti di colore rosso possiedono un’azione capillaroprotettrice, combattono la fragilità dei capillari e aiutano il riassorbimento degli edemi, aumentando l’elasticità delle pareti venose.

Inoltre, il colore arancione di frutta e verdura segnala la presenza di un’alta quantità di betacarotene, fondamentale per fissare l’abbronzatura e in grado di diminuire le reazioni di fotosensibilità, soprattutto per chi ha un’epidermide molto chiara.

Inizia la giornata con una coppa di frutta fresca, yogurt e un cucchiaio di semi (papavero, semi di lino, zucca…) da ridurre in briciole nello yogurt insieme a una manciata di frutta secca, come mandorle, noci e nocciole, ricche di Omega 3 e 6, utili per proteggere la pelle dallinvecchiamento precoce e favorire l’elasticità cutanea.

Spremute fresche e centrifugati sono lo snack ideale a metà mattina o nel pomeriggio per idratare l’organismo.

Sì alle zuppe o le creme di verdure fredde, insalate e vegetali da sgranocchiare crudi, un concentrato di vitamine e sali minerali in grado di migliorare l’abbronzatura, proteggere la pelle e mantenerti in forma.

Idrata la pelle

Dopo l’esposizione al sole, ricordati di idratare a fondo la pelle, magari a seguito della doccia, quando l’epidermide è ancora umida, con un olio nutriente come BioOil, che la rende più elastica e morbida.