La gravidanza: nove mesi meravigliosi, ma di grandi cambiamenti, che mettono a dura prova la tonicità della pelle delle future mamme. L’aumento di peso e la crescita della pancia in special modo possono creare inestetismi cutanei importanti, da prevenire o eventualmente provare a curare. L’incubo più frequente delle donne incinte è sempre lo stesso: le smagliature. Scopriamo come prendercene cura.

Smagliature: cosa sono?

A seguito di un aumento o di una diminuzione repentina di peso, o in generale della tensione della pelle, come quella che avviene alla pancia tipicamente durante la dolce attesa, si formano delle strie laddove le fibre elastiche del derma si sono spezzate.

smagliature-gravidanza-cosa-sono

In questi casi dunque ci resta un vero e proprio ricordo, una cicatrice della lesione. Il colore sarà in grado di dirci l’età della smagliatura: quando si presenta rosata o tendente al viola è recente, se invece è bianca è presente da tempo.

In base a questa differenza possiamo agire: le smagliature vecchie difficilmente si possono curare, se non con la medicina estetica, mentre per quelle nuove qualche rimedio c’è.

Quali zone sono più soggette alle smagliature?

Pensando al cambio di peso o alla tensione della pelle in gravidanza, naturalmente viene subito in mente il pancione. La crescita della pancia, inizialmente lenta, diventa quasi improvvisa e inaspettata dal settimo al nono mese.

Il bimbo cresce velocemente e con lui cambia anche il corpo della mamma, pronto ad accoglierlo con dolcezza e calore. Ma non è l’unica parte della donna a cambiare: il seno si prepara a nutrire il piccolo e diventa florido e morbido.

smagliature-in-gravidanza-dove-si-formano

Lo stesso succede ai fianchi e alle cosce, spesso anche a causa di un ristagno di liquidi, molto frequente in gravidanza e da combattere con un’alimentazione corretta, la giusta idratazione, e del moto, dolce ma efficace, come delle camminate al parco o una nuotata rilassante.

I rimedi contro le smagliature in gravidanza

Prevenire è importante: durante tutti i nove mesi – fin da subito: anche se non sembra che il corpo stia subendo alcuna modificazione in realtà è così! – bisogna idratare bene la pelle.

La secchezza infatti porta tensione e prurito che rischia di trasformarsi in smagliature. Finché la cicatrice è di colore rosso si può intervenire, evitando così che le cicatrici diventino bianche.

Fallo rapidamente, massaggiando un olio nutriente con le mani su tutta la pancia, dall’ombelico ai fianchi, con costanza, quotidianamente. Evita in questo periodo di stare troppo a bagno: l’acqua calda disidrata.

gravidanza-alimentazione-smagliature

Essenziale in gravidanza, ma anche in allattamento, è l’alimentazione: durante l’attesa infatti tutto ciò che mangia la mamma nutre anche il bambino, consumare dunque le giuste quantità di vitamine e sali minerali permette di stare in forma e di avere di conseguenza anche un risvolto positivo sulla salute della pelle che, se ben idratata, non solo localmente ma anche dall’interno, non presenterà smagliature.

Che fare post gravidanza se si hanno molte smagliature?

Esistono diversi trattamenti anti inestetismi cutanei, come il laser, o gli impacchi a base di fanghi, che agiscono rendendo la pelle più elastica e nutrendola in profondità.

In ogni caso, anche dopo la nascita del bambino, prendersi cura dell’epidermide è un regalo da farsi quotidianamente, con costanza e dedizione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi