L’adolescenza è uno dei periodi più belli della vita: tutto è vissuto come una possibilità, si comincia a delineare il futuro con entusiasmo e gli ormoni viaggiano a mille, dando vita a nuove avventure amorose.

Ma c’è un lato negativo: proprio questi ormoni sono i responsabili dei primi cambiamenti fondamentali del proprio corpo e della comparsa dell’acne, ovvero i brufoletti che di solito si concentrano proprio sul viso.

L’acne è un’infiammazione della pelle, che colpisce il follicolo pilifero e la ghiandola sebacea connessa, inducendola a produrre molto sebo.

Nell’adolescenza, il normale scombussolamento ormonale dovuto alla pubertà provoca in 9 teenager su 10 questa patologia lieve, ma che va tenuta sotto controllo.

Chi ne viene colpito deve prendersi cura della sua pelle in modo più attento e scrupoloso: come?

Seguendo questi semplici consigli che, messi in pratica, possono aiutare a ridurre gli effetti dell’acne sulla cute.

cura della pelle in adolescenza

Che tipo di pelle hai?

In primis, va appurato che tipo di pelle si ha: anche se l’acne è un problema che accomuna quasi tutti gli adolescenti, non significa che una soluzione vada bene per tutti.

Esistono tre tipi di pelle: grassa, mista e secca.

La pelle grassa è caratterizzata da pori grandi e produzione eccessiva di sebo, risultando sempre lucida e unta.

La pelle mista presenta delle zone con pelle normale alternate a zone con pelle grassa.

La pelle secca, invece, presenta una superficie arida, con casi di desquamazione.

Una volta stabilito di che tipo di pelle si tratta, si può passare a curarla in modo adeguato.

Scegli i prodotti adeguati

In base al tipo di pelle, scegli il prodotto idratante giusto: Bio-Oil® ad esempio idrata in profondità la cute rendendola morbida e minimizzando il prurito che a volte la pelle secca può causare, perché, grazie ai suoi ingredienti naturali, ha proprietà lenitive e calmanti.

Detergi la pelle

Al mattino e alla sera, lavati bene la faccia, avendo cura di utilizzare prodotti non troppo profumati o schiumosi (di solito i più aggressivi per la pelle).

Risciacquandoti, ricordati di non lasciare tracce di detergente sul viso.

Per asciugarti, non strofinare l’asciugamano sul viso, provocando microlesioni, ma tamponalo con delicatezza.

no-tonici-aggressivi-pelle-in-adolescenza

NO ai tonici aggressivi

La pelle va pulita bene tutti i giorni, mattina e sera, passando un detergente o un tonico delicato, che apra i pori, evitando la formazione dei punti neri o dei brufoli.

Non tutti i tonici però vanno bene: evita quelli contenenti Sodium Laureth Sulfate, Sodium Lauryl Sulfate, Ammonium Laureth Sulfate o Alcohol Denat: sono astringenti molto utilizzati per rimuovere il sebo in eccesso, ma essendo aggressivi, inducono la pelle a proteggersi, producendo ancora più sebo.

Esfolia!

L’esfoliazione è fondamentale per liberare la pelle dalle cellule morte e dal sebo che si accumula nei pori.

Se hai la pelle grassa, ogni sera, o almeno ogni due giorni, usa un esfoliante a base di acido salicilico, dalle note proprietà antibatteriche, per disostruire i pori e pulire per bene la superficie epidermica.

In caso di pelle secca, invece, è più indicato l’acido glicolico, che esfolia lievemente la pelle, senza aggredirla.

Se vuoi agire direttamente sul brufolo, applica un trattamento a base di Benzoyl Peroxide solo sulla parte lesa, non su tutto il viso.

pelle-adolescenza-brufoli

Non schiacciare i brufoli!

Se pensi di risolvere il problema, schiacciando il brufolo, ti sbagli: così diffondi solo l’infezione, rischiando di lasciare anche una piccola cicatrice.

Devi aspettare che l’infiammazione passi da sola.

Segui una corretta alimentazione

Alimentarsi in modo corretto aiuta la pelle a essere sana: consuma molta frutta e verdura e cerca di consumare grassi, proteine e oli sani tutti i giorni.

Inoltre, cerca di bere molta acqua: almeno due litri al giorno, per assicurare al tuo organismo una corretta idratazione e una depurazione dalle tossine costante.

Fai attività fisica

Una pelle sana deriva da un sano stile di vita, che include anche un’adeguata attività fisica.

Se non riesci a fare regolarmente sport, cogli le piccole occasioni quotidiane: fai le scale, invece di prendere l’ascensore, vai a scuola a piedi, porta a spasso il cane.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi